Health

Il vaccino contro la celiachia, ora in fase di sperimentazione, potrebbe consentire alle persone di mangiare nuovamente il glutine

I malati di celiachia potrebbero presto essere in grado di mangiare in sicurezza il glutine, grazie a un nuovo vaccino attualmente in fase di sperimentazione in tutto il mondo.

Il vaccino, chiamato Nexvax2 , prende di mira il sistema immunitario per fermare l'infiammazione che si verifica in genere quando le persone con celiachia consumano glutine. È stato testato per la prima volta nel 2011, per la fase iniziale di prova, ed è risultato sicuro.

La società che produce Nexvax2, ImmusanT con sede nel Massachusetts, ha ricevuto $ 40 milioni in finanziamenti nel 2017, consentendo loro di continuare a ricercare il vaccino. Il secondo ciclo di test inizierà a Melbourne, prima di andare in altre città in Australia. ImmusanT spera di arruolare nello studio 150 pazienti provenienti da Stati Uniti, Australia e Nuova Zelanda.

‘Il vaccino è progettato per colpire il 90 percento dei pazienti con malattia celiaca con la forma genetica della malattia HLA-DQ2’, il dott. Jason Tye-Din, capo della ricerca celiaca e gastroenterologo presso il Royal Melbourne Hospital, dove inizierà lo studio , ha detto al Sydney Morning Herald . ‘Una terapia di successo in grado di ripristinare la normale tolleranza al glutine rivoluzionerebbe la gestione della celiachia.’

  Attualmente non esiste un trattamento per la celiachia: l'unica opzione è quella di eliminare completamente il glutine. Mentre andare senza glutine è diventato di tendenza tra le persone attente alla salute nell'ultimo decennio, per i malati di celiachia le proteine rappresentano un grave rischio per il loro intestino tenue e causano diarrea, dolore addominale e vomito.

Nexvax2 non consentirà immediatamente alle persone celiache di mangiare nuovamente glutine – piuttosto, il vaccino costruirà lentamente un'immunità alle proteine nel glutine e porrà fine agli effetti collaterali negativi.

‘Attraverso questo studio anticipiamo di fare nuove intuizioni che miglioreranno la nostra capacità di dimostrare la soppressione specifica della risposta immunitaria agli epitopi del glutine e agli effetti associati della celiachia’, Dr. Ken Truitt, Chief Medical Officer di ImmusanT , ha detto a BeyondCeliac.org .

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *